A ORVIETO CONTATORI D’ACQUA ROTTI DAL GELO. PER CITTADINANZATTIVA NON DEVE PAGARE L’UTENTE

…“Il sindaco Concina d’intesa con i Sindaci del Comprensorio Orvietano ha formalizzato alla presidente della Regione Catiuscia Marini la richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza per i danni derivanti da neve e gelo.”….

Tra i danni (minori) provocati dal gelo, si segnalano numerosi guasti al sistema idrico in particolare per la rottura del vetro dei contatori, guasti che hanno impegnato diverse squadre di tecnici per fronteggiare il problema presentatosi su tutto il comprensorio; rimane ora da chiarire a chi faranno capo i costi per la sostituzione dell’attrezzatura ed il lavoro tecnico,il tutto stimabile in 60/70 € ad intervento, visto che il gestore emanando una informativa contenente consigli utili a prevenire i guasti, ha già in qualche modo “messo le mani avanti” per giustificare una eventuale richiesta di rimborso delle spese a carico degli utenti.

Cittadinanzattiva ritiene che per lo stato di emergenza invocato e trattandosi di un evento eccezionale, si potrà imputare per logica il costo degli interventi sui rimborsi per le calamità naturali; i clienti-utenti essendo stati trasferiti dai comuni al nuovo gestore senza sottoscrivere nessun contratto individuale, non avendo  ricevuto nessuna informativa per quanto attiene alle operazioni in capo all’utente  per la conservazione e l’integrità degli apparecchi misuratori (contatori) non avrebbero responsabilità dirette a meno che non si dimostri un comportamento omissivo rispetto alle precauzioni di protezione dell’attrezzatura.

Solo nella carta dei servizi è precisato che i “danni provocati dal gelo”sono a carico del cliente, nelle condizioni generali del contratto al punto 8 si ribadisce la sua  sola responsabilità in caso di: rimozione dei sigilli e manomissioni.

Il gestore essendosi riservato da contratto, l’accesso allo sportello dell’attrezzatura per i controlli di buona conservazione  ed anche per le letture periodiche dei consumi sarebbe in grado di rilevare eventuali carenze in tempo utile ed effettuare interventi manutentivi finalizzati a prevenire i guasti.

Ritenuto che, per le motivazioni sopra esposte siano ingiustificati addebiti a carico degli utenti, auspicando che vengano anche forniti chiarimenti dal gestore, ed interessando anche i Sindaci del comprensorio,si rimane a disposizione dei consumatori.