Assemblea di Cittadinanzattiva dell’Alto Tevere – 22 agosto 2009

                                                     
    Il giorno 21 Agosto 2009 si è riunita ad Umbertide l’assemblea di Cittadinanzattiva dell’ Altotevere umbro, convocata a mezzo contatto degli iscritti e simpatizzanti cittadini per discutere sull’ O.D.G. :

 

–        possibilità di apertura sede di Cittadinanzattiva e T.D.M. nel comune di Umbertide;

 

–        possibile iniziativa di Cittadinanzattiva in merito alle richieste di cauzione da parte di “Umbra Acque” ai cittadini dei comuni dell’ Altotevere;

 

–        Varie ed eventuali.

 

Presenti il Coordinatore dell’ Assemblea Cittadinanzattiva Altotevere Mario Baglioni, il rappresentante Territoriale del T.D.M. Di Città di Castello Minelli Giancarlo, molti cittadini collaboratori e simpatizzanti.

Il Coordinatore Mario Baglioni espone le possibilità di aprire ad Umbertide una sede di Cittadinanzattiva (all’interno della quale potrebbe operare anche la sede territoriale del T.D.M.) tramite idoneo locale già individuato e disponibile; tutti i presenti concordano sull’utilità dell’iniziativa mettendo l’accento sulla possibilità di avere uno strumento di tutela dei diritti dei cittadini.

Alla unanimità viene conferito mandato al Coordinatore di approntare la sede e di comunicare a tutti i cittadini l’inizio dell’attività.

Sentite le disponibilità ad attivare anche il T.D.M. Riferito ai servizi sanitari del comune di Umbertide, Alla unanimità dei presenti è stato nominato quale rappresentante del T.D.M. Di Umbertide Mauro Briganti che ha accettato tale incarico.

 

Nel merito del grande dibattito sviluppatosi nei comuni Altotevere e provincia di Perugia sulla imposizione ai cittadini  di  un deposito cauzionale  relativo alla  erogazione di acqua  ad  uso domestico (Umbra Acque chiede in alternativa al deposito la domiciliazione bancaria della bolletta costringendo molti cittadini,  soprattutto anziani e pensionati ad aprire un conto corrente), il Coordinatore Baglioni ha proposto di verificare la possibilità di un ricorso al Tar dell’Umbria e portare avanti una azione incisiva a tutela dei cittadini utenti consumatori.

A tale proposito l’ assemblea ha dato mandato di verificare tramite il Centro di Giustizia per i Diritti, istituito da Cittadinanzattiva in Altotevere, la fattibilità del ricorso.

A conclusione dei lavori il Coordinatore auspica un sempre maggiore coinvolgimento dei cittadini a tutela dei propri diritti nei vari settori della vita pubblica.

 

Umbertide,  21 Agosto 2009

 

                                     Il Coordinatore Cittadinanzattiva

                                         Mario  Baglioni