Monitoraggio dei Servizi sul Territorio – Fuori dall’Ospedale e dentro le mura domestiche: focus Cure Domiciliari

Share

Sensibilità chimica multipla: noi ci siamo!

Al Silvestrini raccolta di firme a sostegno della nostra  campagna a favore del riconoscimento da parte del servizio sanitario reguonale della sensibilità chimica multipla come patologia.

Da mesi Cittadinanzattiva Umbria  ha  iniziato un percorso di condivisione e collaborazione, con l’associazione regionale di pazienti affetti da MCS, sensibilità chimica multipla.

In quest’ottica, nelle scorse setimane abbiamo incontrato   il consigliere regionale Gianfranco Chiacchieroni, firmatario  insieme ad altri di una  proposta di legge    in favore  del riconoscimento da parte del SSR di questa patologia.

Proposta di legge che l’associazione MCS condivide pienamente e  di cui auspica rapida approvazione.

Dall’incontro, molto utile, è scaturita la proposta da parte  dell’Ass. MCS e di Cittadinanzattiva di intraprendere  iniziative a sostegno che permettano di superare resistenze   e lungaggini burocratiche.

Le proposte avanzate  si sostanziano in:

  1. Petizione popolare  a sostegno del Disegno di legge regionale
  2. Reperimento fondi per il finanziamento di una tesi di laurea di ricerca
  3. Iniziative scientifiche che coinvolgano la comunità medico scientifica regionale
Share

Per non “morire” di mafia: la Regione Umbria vara l’ Osservatorio sulla criminalità organizzata. Ancora una volta Cittadinanzattiva c’è

Uno strumento in più per lottare contro le mafie e le infiltrazioni criminali in Umbria. Il consiglio regionale dà ascolto al consigliere Pd Giacomo Leonelli e vota all’ unanimità l’ istituzione del l’ Osservatorio sulla criminalità organizzata e l’ illegalità, proposta dalla Commissione di inchiesta “Analisi e studi su criminalità organizzata, infiltrazioni mafiose, tossicodipendenze, sicurezza e qualità della vita”.In questo modo, ha spiegato Leonelli, presidente della Commissione, “introdurremo uno strumento di supporto alla Regione per il contrasto dei fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata. Non esistono ancora esempi simili in Italia, esso sarà comporta da un rappresentante dell’ Anci, da sette esperti delle tematiche della legalità (Libera Umbria, Libera informazione, Legambiente, Sos Impresa, Cittadinanzattiva, Mente Glocale, Wwf), un rappresentante dei sindacati, tre rappresentanti delle imprese e delle cooperative, un rappresentante dell’ associazione bancaria umbra. L’ Osservatorio unirà dunque tutte quelle figure che si occupano del contrasto alle infiltrazioni criminali in Umbria. La relazione del procuratore generale Cardella all’ inaugurazione dell’ anno giudiziario, ha tracciato un quadro in cui non esiste una organizzazione malavitosa strutturata, ma c’ è una casistica di organizzazioni criminali che entrano nelle aziende in sofferenza o tentano di entrare nella partita degli appalti. Andiamo quindi oggi ad istituire un organismo che mantiene il faro puntato sul rischio infiltrazioni in Umbria, anche grazie ad una composizione che prevede la presenza di molteplici soggetti, comprese le categorie economiche più a rischio”.Le reazioni alla proposta del segretario regionale del Pd sono le varie. Per Claudio Ricci l’ Osservatorio dovrebbe avere “non solo un ruolo informativo ma anche operativo per azioni di incremento della consapevolezza del rischio di infiltrazione, nelle istituzioni come in ambito economico, da parte della criminalità”.Per il socialista Silvano Rometti, invece, dobbiamo “tenere alta la guardia sul rischio di infiltrazioni. L’ Osservatorio, per come è composto, sarà in grado di dare un contributo a comprendere il quadro e decidere quali iniziative intraprendere”. Per quanto riguarda la Lega Nord, Valerio Mancini sottolinea la “necessaria attenzione alle infiltrazioni criminali nell’ ambito delle attività agricole. Positiva ogni azione per captare i segnali di allarme che vengono dal tessuto economico e produttivo”.Contrario, invece, Andrea Liberati del Movimento 5Stelle: “Stiamo creando un eccesso di burocrazia. Approfondire situazione alla Ast, dove centinaia di persone hanno perso il lavoro a causa di decine di corrotti. Analizzare gli effetti della ricostruzione post sisma del 1997”.

Share

Maxiprocesso Quarto Passo: Cittadinanzattiva presenta richiesta di ammissione come parte civile

 

All’udienza di questa mattina  30 gennaio 2017 Cittadinanzattiva Umbria , per il tramite dell’Avv. Silvia Barontini, ha presentato richiesta di ammissione come parte civile nel processo Quarto Passo. Solo nel corso della prossima udienza si conoscerà la decisione dei Giudici.

Cittadinanzattiva, presente e radicata nel territorio di Perugia e non solo, è impegnata oramai da anni nella promozione della cultura della legalità e nella lotta alle mafie.

Lo strumento della partecipazione come lotta alla criminalità organizzata, l’intervento degli attivisti alle iniziative di monitoraggio delle mafie, le attività di studio, di ricerca e di indagine svolte dall’Associazione all’interno dell’Osservatorio Regionale sulla criminalità organizzata e l’illegalità, ne sono usciti fortemente lesi.

La dichiarazione di costituzione di parte civile di Cittadinanzattiva, rappresenta l’esito inevitabile di un percorso di impegno volto alla prevenzione e alla debellazione della criminalità organizzata.

Non resta che attendere il prossimo 27 febbraio, data nella quale si conoscerà la decisione del Collegio.

Share