OLTRE 200 CITTADINI ALL’ASSEMBLEA POPOLARE PROMOSSA DALL’OSSERVATORIO DI BORGO GIGLIONE SULLA POLITICA DEI RIFIUTI – CONFRONTO TRA RAPPRESENTANTI DEI CITTADINI E GLI AMMINISTRATORI PRESENTI: ROMETTI, BOCCALI, ALUNNI, PESARESI E FELICI

AP_1-150x150

NELL’ASSEMBLEA POPOLARE PROMOSSA DALL’OSSERVATORIO DI BORGO GIGLIONE SI E’ REALIZZATO UN CIVILE CONFRONTO TRA I RAPPRESENTANTI DEI CITTADINI UTENTI E GLI AMMINISTRATORI, ERANO PRESENTI L’ASSESSORE REGIONALE ALL’AMBIENTE, ROMETTI, IL SINDACO DI PERUGIA BOCCALI, IL SINDACO DI MAGIONE ALUNNI, L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DEL COMUNE DI PERUGIA PESARESI E L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DI CORCIANO FELICI.

GABRIELE SILVESTRI A NOME DI CITTADINANZATTIVA E DELLE ALTRE ORGANIZZAZIONI DEI CONSUMATORI UTENTI HA PRESENTATO IL DOCUMENTO PIATTAFORMA, CHE TROVATE QUI SOTTO, ELABORATO PER CHIEDERE UNA PROFONDA MODIFICA DELLA POLITICA DEI RIFIUTI IN UMBRIA.

IL PRESIDENTE DELL’OSSERVATORIO LUCIO PALA HA ILLUSTRATO LO STATO DELL’ARTE E IN PARTICOLARE DEL CONFRONTO IN ATTO CON L’ARPA E L’ASLAP-2-150x150 PER LA STESURA DI UN PROTOCOLLO D’INTESA CHE SANCISCA UN VERO MONITORAGGIO DEL TERRITORIO CIRCOSTANTE LA DISCARICA DI BORGO GIGLIONE, PER VERIFICARE LO STATO DELLA SITUAZIONE E DEI RISCHI PER LA SALUTE DEI CITTADINI. TALE POSIZIONE E’ STATA RAFFORZATA DALLA RELAZIONE DEL DOTT. CARLO ROMAGNOLI, IL QUALE A NOME DELL’ISDE (I MEDICI PER L’AMBIENTE) HA RICHIAMATO TUTTI GLI ENTI A SVOLGERE IL LORO RUOLO ISTITUZIONALE, DEMANDATO DALLA LEGGE.

MARCO MANTUCCI HA PRESENTATO LA PROPOSTA RIFIUTI ZERO ED HA CONFERMATO IL CONSENSO CON IL DOCUMENTO PIATTAFORMA DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI UTENTI ADERENTI AL CESAC.

AP-3-150x150IL SINDACO BOCCALI HA DETTO CHIARAMENTE CHE HA PRESO ESPLICITAMENTE POSIZIONE A FAVORE DEL PROTOCOLLO D’INTESA COME RICHIESTO DALL’OSSERVATORIO DI BORGO GIGLIONE, CHE PERO’ ANCORA NON VEDE LA LUCE, PER CUI I CITTADINI CONTINUERANNO LA LORO INIZIATIVA, ANCHE COINVOLGENDO L’UNIVERSITA’ E CONTROLLERANNO SE ALLE PAROLE SEGUIRANNO I FATTI.

SUL DOCUMENTO DELLE ASSOCIAZIONI DEL CESAC, GLI AMMINISTRATORI HANNO CERCATO DI DARE RISPOSTE, CONFERMANDO LE SCELTE CHE HANNO OPERATO, ANCHE RECENTEMENTE, MA LE LORO POSIZIONI NON SONO STATE RITENUTE CREDIBILI DAI CITTADINI PRESENTI, CHE HANNO CIVILMENTE RUMOREGGIATO DURANTE I LORO INTERVENTI E NEANCHE DALLE ASSOCIAZIONI DEL CESAC, LE QUALI DA QUESTA ASSEMBLEA E DA QUESTO CONFRONTO ESCONO ANCORA PIU’ CONVINTE DELLE LORO POSIZIONI E CONTINUERANNO A PORTARE AVANTI LA LORO INIZIATIVA DI CONFRONTO CON I CITTADINI SINGOLI ED ASSOCIATI SULLA PIATTAFORMA PER CREARE UN VASTO MOVIMENTO CHE CHIEDA LA MODIFICA DELLA POLITICA DEI RIFIUTI IN UMBRIA.