Presentato il programma di sviluppo di Cittadinanzattiva a Narni

Cittadinanzattiva Narni, in occasione dell’incontro pubblico presso la Sala Consiliare del Comune di Narni, ha presentato il programma di sviluppo delle attività e delle iniziative dell’Assemblea di Narni, sia nell’ambito territoriale che in collaborazione con Cittadinanzattiva Umbria e con Cittadinanzattiva Nazionale, nello spirito di rappresentanza civica e di sussidiarietà, indicate dall’articolo 118 della Costituzione della Repubblica Italiana, intendendo sviluppare la massima collaborazione con il Comune di Narni e le altre Istituzioni del Territorio, nel primario interesse della collettività.
Erano presenti per Cittadinanzattiva il Coordinatore dell’Assemblea di Narni, Franco Alajmo e la Segretaria Regionale Anna Rita Cosso. Per il Comune di Narni l’Assessore Alfonso Morelli, per la Provincia di Terni l’Assessore Stefania Cherubini. L’ASL 4 era rappresentata dalla referente Monica Isidori (nonché dalla Responsabile del Distretto Narni-Amelia Anna Maria Petitti e dal Responsabile del Presidio Ospedaliero di Narni Sergio Guido).
Dopo i saluti del Comune e della Provincia, Anna Rita Cosso ha delineato le attività recenti di Cittadinanzattiva Umbria, con particolari riferimenti alla Riforma della Sanità Umbra, all’ambiente, al coordinamento delle attività delle associazioni.
Franco Alajmo ha esposto le linee programmatiche e le novità delle azioni di Cittadinanzattiva Narni.
“Il progetto dell’Assemblea di Narni è di sviluppare tutte le reti di Cittadinanzattiva, sia in ambito locale che a livello regionale, nazionale e anche internazionale, favorendo la partecipazione e le iniziative sia di singoli cittadini che delle associazioni, rispettando in modo assoluto le persone e le forme di aggregazione già strutturate, in collaborazione con le Istituzioni territoriali (Comuni, Province, Regione), le Aziende Sanitarie, l’Amministrazione della Giustizia
Non siamo ‘Cittadini cattivi’, anche se ‘cattivi’ potremo purtroppo trovarci a esserlo, qualora ci trovassimo di fronte a palesi situazioni di illegalità, malgoverno, minacce all’ambiente o al territorio, discriminazioni, negazione di diritti: anche se – non mi sembra superfluo ricordarlo – i diritti degli uni finiscono dove cominciano i diritti degli altri, e che alla rivendicazione dei diritti deve sempre andare di pari passo la conoscenza dei propri doveri.
La vastità dei temi affrontati da Cittadinanzattiva negli anni è nota.
Si devono stabilire quali siano le priorità nella scelta degli argomenti su cui lavorare, cosa che dovrà essere fatta anche in coordinamento con il Comune e le altre Istituzioni, con le Associazioni, con le iniziative intraprese a livello di Cittadinanzattiva Umbria. I temi prioritari
sono: l’ambiente, la tutela delle persone ‘fragili’, la scuola e il mondo giovanile, l’occhio lungo del cittadino.
Quello che è già stato fatto nelle ultime settimane da Cittadinanzattiva Narni è stato:
• Ampliare il numero degli aderenti
• Attivare progressivamente tutte le reti di Cittadinanzattiva
• Aderire a progetti di Cittadinanzattiva già in corso (completata la Campagna Impararesicuri 2012 per la sicurezza nelle scuole, con rilevazioni fatte in 11 plessi scolastici, 10 nel Comune di Narni, 1 a Amelia)
• Sviluppare i rapporti di collaborazione con l’ASL 4 di Terni, con la quale abbiamo già avuto un incontro ufficiale il 17-5-2012. L’ASL 4 ha nominato, come noi avevamo richiesto, una referente per i rapporti con Cittadinanzattiva Narni nella persona della Dott.sa Monica Isidori, responsabile dell’URP (che incontreremo a fine giugno per pianificare il lavoro).
• Abbiamo partecipato nei giorni scorsi a un incontro con le altre assemblee locali, promosso da Cittadinanzattiva Umbria, per concordare una posizione comune sul riordino del sistema sanitario regionale, che ha portato alla produzione di un documento, inviato alla Presidente della Regione Catiuscia Marini, che proprio nel pomeriggio di oggi riceverà una delegazione di Cittadinanzattiva Umbria per un confronto su questi temi. Non è questa la sede dove affrontare il problema, tanto sentito a Narni e Amelia, della ‘difesa del punto nascite’, ma possiamo dire di condividere la linea indicata ripetutamente dai Sindaci di Narni e Amelia, di un confronto trasparente che segua chiare linee di indirizzo e criteri oggettivi per le decisioni: i numeri, la qualità e la quantità del lavoro svolto sono tutti a favore del punto nascite di Narni.
• Presentare pubblicamente le iniziative di Cittadinanzattiva Narni al Comune di Narni e alle altre Istituzioni territoriali, ed è quello che stiamo facendo qui oggi.
• Creare un sito web, per attivare una discussione permanente sulle problematiche in discussione o emergenti. Questo lavoro è in corso, per il momento è stata attivata una pagina su Facebook ‘Cittadinanzattiva Narni’ e un gruppo di discussione aperta ‘Narniattiva’
• Preparare iniziative e formare gruppi di lavoro entro giugno 2012 con i nostri aderenti. Tematiche di interesse proposte come prioritarie dagli aderenti, oltre a quelli a cui si è già fatto cenno, sono la buona nutrizione, i disturbi del comportamento alimentare e le malattie croniche (Alzheimer, disabilità), tutela legale e assicurativa, progetti di ricerca e formazione nel campo delle bioscienze.
• Un’idea molto ambiziosa è quella di riunire le diverse associazioni che a vario titolo operano sui temi ambientali nei nostri territori in un forum permanente, visto che dall’ambiente dipende la nostra salute, la nostra economia, ecc, in fondo la nostra stessa esistenza.
• Dare attenzione alle proposte a provenienza dei cittadini, dell’Amministrazione e delle Organizzazioni del Territorio.
• Già giovedi prossimo, 14 giugno alle ore 16 ci troveremo presso il Centro Anziani Ancescao al Parco di Narni Scalo, con il Centro Anziani e con l’Associazione Nonlasciamole sole, per conoscerci e cominciare a lavorare con iniziative di interesse comune, e per fare partire effettivamente il tanto atteso centro di ascolto per i disturbi del comportamento alimentare, la depressione, le problematiche della fragilità.
Vanno citati per concludere alcuni punti molto importanti.
Nostro interesse è la difesa delle ‘fragilità’. Inoltre, sullo spunto di un progetto nato in Toscana, negli scorsi anni a Grosseto, sarebbe interessante creare anche in questa regione una struttura analoga, la creazione di una ‘task force’ interistituzionale tra Azienda Sanitaria e Procura, per un percorso integrato nella presa in carico dei soggetti vittime di violenza di genere, violenza assistita, violenza familiare e abusi su minori. Al congresso nazionale di Cittadinanzattiva che si svolgerà tra il 21 e il 24 giugno proporremo una discussione più ampia sul tema.
Ci piacerebbe, e ve ne sono tutti i presupposti, in collaborazione con Cittadinanzattiva Umbria e Cittadinanzattiva nazionale, costituire un Centro Permanente di Studi e Formazione di Cittadinanzattiva, che potrebbe avere la sua sede a Narni, centro geografico d’Italia, città di storia, di tradizioni, di arte e di cultura, fervida di menti e ingegni, apprezzata da tutti coloro che venuti da fuori la scoprono, pronta ad aprirsi al resto d’Italia, all’Europa e anche più in là. Città con amministratori giovani, dinamici, entusiasti, con cui non sarà difficile collaborare.
Al Sindaco di Narni chiediamo di operare in sintonia, nei progetti e sul campo, mettendoci a disposizione quando necessario le magnifiche infrastrutture di cui dispone la città, dall’Auditorium San Domenico al Teatro Comunale, alle sale del Museo Eroli, e così via…. fino alla Rocca, splendida e prestigiosa ‘location’ dove si sta concretizzando la possibilità di portare diverse iniziative (convegni, corsi, ed altro ancora).
Una piccola importante richiesta va rinnovata al Sindaco: che ci metta a disposizione all’interno delle strutture del Comune, una sede, un ufficio, un piccolo spazio operativo direzionale dove potere portare avanti il tanto lavoro che ci attende.
Ultimissima cosa: abbiamo bisogno dei Cittadini attivi, che ci diano suggerimenti, e ci critichino se necessario. Con le associazioni, e in modo coordinato, ci dovremo muovere, si dovrà muovere la cittadinanza, e così il Comune di Narni, i Comuni dell’ambito narnese amerino, Provincia, Regione. Nessuno deve pensare che vogliamo fagocitare altre entità, vogliamo solo cercare di essere utili alla collettività, nell’assoluto e solo interesse delle cittadine e dei cittadini.”
Hanno fatto seguito gli interventi di Ilaria Ubaldi e dei legali dell’Associazione Nonlasciamole sole, che hanno esposto le tematiche nelle quali è impegnata l’Associazione; di Maria Francesca Comerci, responsabile dell’ADOC Associazione Donne operate al seno, che ha sottolineato tra l’altro le criticità dei rapporti tra sanità e malati; di Massimo Formica, come medico da tanti anni impegnato nelle problematiche ambientali, che ha rinnovato l’auspicio di riunire per la prima volta tutte le associazioni che operano sui temi dell’ambiente; di Mario Sani e Valbruno Bontempo, che hanno ripercorso le attività del Tribunale dei Diritti del Malato e di Cittadinanzattiva a Narni; di Monica Isidori, che ha auspicato iniziative comuni tra ASL 4 e Cittadinanzattiva, ricordando anche il recente Audit Civico. A chiusura dell’incontro, Anna Rita Cosso ha citato due campagne in cui è attualmente impegnata Cittadinanzattiva: Rifiuti zero e Trasporto pubblico; e ha confermato l’importanza del coordinamento delle attività di Istituzioni e Associazionismo, nel quale può essere notevole l’apporto di Cittadinanzattiva. Comune e Provincia hanno recepito pienamente queste proposte, e periodicamente i risultati della collaborazione con Cittadinanzattiva Narni saranno reciprocamente verificati.
Narni, 12 giugno 2012
IL COORDINATORE DELL’ASSEMBLEA DI NARNI
Dott. Franco Alajmo