SEMINARIO DI FORMAZIONE PER REFERENTI TERRITORIALI SUI SERVIZI PUBBLICI LOCALI 28 E 29 MAGGIO 2015 – Ce ne parla Stefano Scimiterna

stefanoSaluti e apertura del seminario a cura di Tina Napoli “coordinatrice nazionale politiche dei consumatori” che introduce la rivoluzione costituita dal comma 461 (per il quale grande merito va a Cittadinanzattiva che si è battuta per il raggiungimento di questo grandissimo risultato); l’inserimento del “comma 461” dell’art. 2 della Finanziaria 2008, Legge n. 244/2007, infatti, prevede norme stringenti per i soggetti contraenti il contratto di servizio, ossia per il regolatore e il gestore dei servizi pubblici locali, al fine di tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti, di garantire la qualità, l’universalità e l’economicità delle relative prestazioni.

La novità principale introdotta dal legislatore è rappresentata dalla previsione dell’obbligo già in sede di stipula del contratto di servizio per il soggetto gestore di emanare la “Carta della qualità” dei servizi, da redigere e pubblicizzare in conformità a intese con le associazioni di tutela dei consumatori e con le associazioni imprenditoriali interessate, recante gli standard di qualità e di quantità relativi alle prestazioni da erogare, nonché le modalità di accesso alle informazioni garantite, quelle per proporre reclamo e quelle per adire le vie conciliative e giudiziarie nonché le modalità di ristoro dell’utenza, in forma specifica o mediante restituzione totale o parziale del corrispettivo versato, in caso di inottemperanza.

Tale recente provvedimento è l’ultimo di una serie di interventi e provvedimenti adottati a partire dagli anni ’90 grazie al quale oggi si conferisce omogeneità a un corpus di leggi susseguitesi nel corso di questi anni.

Cinzia Pollio nell’azione di moderatrice procede nel presentare il primo relatore Stefano Bruni “Capo Segreteria tecnica del presidente del CNEL e membro del Comitato internazionale CNEL-ISTAT per l’individuazione di nuovi indicatori integrativi del PIL” che spiega il superamento del PIL introducendo il BES (Benessere Equo Solidale). BES organo di misurazione del benessere della società ha consapevolezza che i parametri sui quali valutare il progresso di una società non possono essere esclusivamente di carattere economico, ma debbano tenere conto anche delle fondamentali dimensioni sociali e ambientali del benessere.

Segue Federico Testa “Commissario ENEA” e Lorenzo Bardelli “Responsabile Direzione Sistemi Idrici AEEGSI”. Introducono il “Sistema Idrico Integrato” ed il grave problema dello spreco dell’acqua in quanto oltre il 40% si perde nelle condotte con punte che raggiungono l’85%. A loro parere sull’acqua non si guadagna quindi non si investe. Responsabili di ciò sembrerebbero le aziende che preferiscono investire nelle altre utenze, molto più remunerative. –Su ciò non essendo molto d’accordo ho espresso la mia perplessità ritenendo che l’acqua c’è chi la vende e ci guadagna e che queste grandi perdite a qualcuno potrebbero giocare anche a favore. A seguire, Andrea di Palma “Segretario Nazionale AUDICONSUM” con esperienze di partecipazione civica.

Saluti e ringraziamenti di Annalisa Mandorino “Vice Segretario Vicario Nazionale di Cittadinanzattiva” che sottolinea l’importanza di attaccamento al territorio e capacità di rapportarsi con le istituzioni.

Continua informando su “ITALIA SVEGLIA”. Il 28 maggio a Roma è stata lanciata ITALIA SVEGLIA un’alleanza tra ActionAid, Cittadinanzattiva e Slow Food per contribuire a cambiare il nostro paese attraverso il ruolo attivo dei cittadini e la tutela dei loro diritti.

La parola passa a Gabriele Ugolini “ex Direttore Tecnico Agenzia per la qualità dei servizi pubblici di Roma” che spiega l’importanza del Pubblico che non potrà mai esser sostituito dal Privato che come unico parametro dominante ha l’utile, e quanto sia importante che le associazioni partecipino beneficiando del diritto fornito dal “comma 461”, pretendendo di partecipare alla stesura dei Piani Regionali dei servizi e delle “carte dei servizi” che devono essere presenti e consultabili nei siti degli enti che erogano il servizio pubblico. E’ d’obbligo inoltre richiedere la revisione/rivalutazione almeno annuale della stessa carta valutando costi/benefici ottenuti nell’anno precedente intervenendo con le ottimizzazioni che il caso richiede.

A seguire, l’intervento di Stefano Ciafani “Vice Presidente Nazionale Legambiente” che ha parlato di rifiuti in quanto nella “carta dei servizi” dobbiamo pretendere che il servizio raccolta porta a porta sia di qualità e con penali per il mancato ritiro, portando esempi di città virtuose sulla raccolta differenziata con relative percentuali. Su ciò ho espresso il mio disappunto sul continuare in futuro ad esprimersi quantificando un comune “virtuoso” su quanta percentuale di differenzia raccoglie anziché esprimersi sulle percentuali di “RIFIUTO RESIDUO” che sono le uniche che si possono prendere come dato attendibile, come fa già da tempo il Veneto con il consorzio “Contarina spa”. Esempio pratico è la città di Perugia che ha una percentuale di differenziata al 60%, altri comuni umbri non scendono sotto al 20%, eppure abbiamo una media regionale di “RICLICLATO” che si colloca al 4%. In pratica in Umbria ci attestiamo con un 96% dei rifiuti che ancora vengono conferiti in discarica perché differenziati male o gestiti male dalla società che eroga il servizio di raccolta, e su ciò non vedo nulla di virtuoso.

Si prosegue con Alberto Fiorillo “Portavoce Reta Mobilità Nuova”, con esperienze di attivismo civico e networking. Segue Andrea Appetecchia di “ISFORT” (Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti), con introduzioni normative e sezione diritti.Per finire Marco Gagliardi “Responsabile Nazionale Trasporti Movimento Consumatori”, con esperienze di partecipazione civica.

Chiusura a cura di Cinzia Pollio “Responsabile del progetto”, con follow up progetto consumatori in rete e spunti di co-progettazione e attività future.

Al Teatro Brancaccino inoltre, Cittadinanzattiva è andata in scena con la commedia “VITA DA CITTADINO”, (un viaggio nel cuore dei servizi pubblici locali). Spettacolare monologo di Francesco Suriano, tratto dalle elaborazioni creative e dalle esperienze civiche e consultazioni di Cittadinanzattiva nell’ambito del progetto “consumatori in rete diamo forza ai nostri diritti”. Stefano Scimiterna.